Crea sito

Un film già visto

Un nostro socio ci scrive: “Ho fatto una visita medica al presidio ospedaliero dell’Arcella e durante l’incontro ho notato che nell’ambulatorio campeggiava un crocifisso. Alla dottoressa ho chiesto come mai in un ufficio pubblico venisse esposto un simbolo di fede così privato. Lei ha risposto di non essersi neanche accorta della sua presenza e che era l’altra collega che probabilmente l’aveva voluto. Ho ribadito che in una società laica e plurale un ufficio pubblico non dovrebbe privilegiare simboli religiosi e o politici discriminandone altri e dovrebbe rimanere neutrale.

"Lettere sulla religione di Charles Darwin"

Lettere sulla religione

Abbiamo dovuto attendere il suo trasferimento nella nostra Università ma alla fine abbiamo potuto raccogliere la disponibilità del prof. Telmo Pievani per una nostra iniziativa a Padova.
Per cui mercoledì 11 dicembre alle ore 21,00 alla Sala degli Anziani di Palazzo Moroni avremo il piacere di seguire la presentazione del libro "Lettere sulla religione di Charles Darwin" da colui che ne ha curato la pubblicazione.
Interverrà anche la prof.ssa Maria Turchetto, direttrice del bimestrale L'Ateo.

Riflessioni post congressuali

Il X Congresso dell’UAAR, svoltosi il 2 e 3 novembre a Roma, ha sancito le linee guida per l’attività dell’associazione fino al prossimo congresso con un nuovo Comitato di Coordinamento e la conferma di Raffaele Carcano come segretario.

Attenti alle reliquie!

La trasferta del vice sindaco reggente Ivo Rossi, con delegazione formata dal rettore della Basilica di Sant'Antonio padre Enzo Poiana e da Lella Zanonato, moglie del ministro dello Sviluppo Economico, che di recente ha consegnato la reliquia del Santo a Mazara del Vallo, con celebrazione solenne, ha avuto un finale inatteso e quasi tragicomico. I convenuti infatti, dopo la cena di rito, hanno accusato malesseri e son dovuti ricorrere all'ospedale.

Ora pro nobis

È rimbalzata su alcuni quotidiani nazionali la notizia che in un liceo classico di Genova un'intera classe ha chiesto di non frequentare l'ora di religione. Non è il primo caso invero. Ci sono segnali sempre più indicativi di un crescente disinteresse dei giovani verso la religione. Probabilmente è l'effetto boomerang rispetto ad un indottrinamento che si pretende già debba partire nella prima infanzia. Un tema comunque che suscita sempre più un dibattito secondo noi positivo, comunque la si pensi.

Succede a Noventa Padovana

Il Mattino di Padova di giovedì 26 settembre, riporta un grottesco e lunare dibattito tra un consigliere comunale e il sindaco di Noventa Padovana a proposito dell’assenza di crocifissi dalle pareti della locale scuola Anna Frank.

Ci scrive un nostro socio

«Mi trovo a Sirolo nelle Marche. All'arrivo in uno dei più vecchi e rinomati camping del posto, tra gli avvisi in bacheca spicca quello relativo alla “Santa Messa” prevista ogni domenica. Decido di parlare con la direzione per esprimere il disagio nel vedere una funzione religiosa davvero “fuori luogo”. Mi dicono che devo scrivere due righe e che verrò contattato. E' quello che faccio. Il giorno dopo uno della proprietà mi manda a chiamare e vuole parlare della faccenda.

Video "Laicità nell'Italia in crisi"

Video dell'intervento di Massimo Albertin alla conferenza dibattito "Laicità nell'Italia in crisi". Padova 4 luglio 2013. Sala Caduti di Nassiriya.

Lego... ergo sum

Parafrasiamo il celebre cogito (rammentando che siamo animali pensanti e non... fidenti, come vorrebbe qualcuno) cartesiano, per rinnovare anche quest'anno l'augurio ai nostri lettori e cybernauti, di passare un'estate low cost viaggiando attraverso le numerose recensioni che il nostro sito nazionale propone nella sezione libri http://www.uaar.it/ateismo/opere/. Un ottimo modo per conoscere la cultura ateo-agnostica, ma anche per approfondire tematiche attorno a storia, filosofia, scienza, laicità.

Laicità nell'Italia in crisi

Laicità nell'Italia in crisi

Ha ancora senso parlare oggigiorno di laicità dello Stato in accordo con i principi della Costituzione Italiana? E’ giusto confondere pubblico e privato? Accettare l'imposizione dell'ideologia della chiesa cattolica come ideologia preminente dello Stato; quasi fosse un “servizio pubblico” da imporre ai cittadini con tasse, esenzioni d'imposta, pubblicità gratuita? Cosa conosciamo realmente del “mondo chiesa” e delle sue attività politiche ed economiche?

Pagine

Iscriviti a Blog del Circolo Uaar di Padova RSS