Crea sito

Venerdì 15 Febbraio 2019

La sera di venerdì 15 Febbraio UAAR Padova avrà il piacere di ospitare una conferenza del Prof. Graziano Martello, che ci farà conoscere le cellule staminali e quali potrebbero essere le loro future applicazioni in campo medico; capiremo la speranza che questi nuovi studi e la terapia genica possono regalare a malati che oggi non hanno prospettive.

L’incontro si terrà alle ore 20:30 di venerdì 15 febbraio 2019, presso la sala Anziani di Palazzo Moroni (via VIII Febbraio, 6 – Padova); la partecipazione alla conferenza è gratuita e ad accesso libero fino ad esaurimento dei posti.

Lunedì 25 Febbraio 2019

La mattinata del 25 Febbraio, il Darwin Day sarà dedicato agli studenti della scuola secondaria di II grado.
La sede dell’evento è presso l’aula Morgagni del Policlinico Universitario (via Nicolò Giustiniani, 2, Padova).

8.30 – 9.00 Consegna dei poster da parte degli studenti  e apertura dei lavori

9.00 – 10.00 Introduzione alle cellule staminali

Il programma si aprirà con una lezione introduttiva tenuta dal professor Graziano Martello.
Il corpo umano contiene centinaia di tipi cellulari diversi, che sono di primaria importanza per la nostra salute quotidiana. Queste cellule sono responsabili di mantenere i nostri corpi funzionanti, in modo che il cuore batta, il cervello pensi, i reni depurino il sangue, la nostra pelle si rigeneri e cosi’ via.
Il compito peculiare delle cellule staminali e’ di creare tutti questi altri tipi di cellule; le cellule staminali sono quindi i “fornitori” di tutte le nuove cellule.
Scopriremo cosa sono queste cellule dal punto di vista biologico, dove si trovano nel nostro organismo e quali le tipologie che le differenziano.

Graziano Martello è professore associato nel Dipartimento di Medicina Molecolare dell’Università di Padova.
Insegna Embriologia e Biologia delle Cellule Staminali e la sua attività di ricerca è volta appunto allo studio delle cellule staminali, combinando approcci sperimentali e computazionali, e al loro impiego come modello di malattie neurodegenerative quali ad esempio la malattia di Huntington.

 

 

10.00 – 11.00 Cellule staminali: istruzioni per l’uso

Quali strade aprono le cellule staminali per le nuove terapie?

Che impatto avranno nel modo in cui ci cureremo in futuro?

Sarà possibile trattare delle patologie per le quali oggi esistono pochi rimedi?

Il dottor Andrea Ditadi ci parlerà di come i diversi tipi di cellule staminali possono essere usate nel campo clinico.

Andrea Ditadi è group leader dell’Istituto San Raffaele-Telethon per la terapia genica dal 2016.
L’attività di ricerca del suo laboratorio è incentrata sullo studio del funzionamento delle cellule staminali ematopoietiche, quelle che danno vita cioè ai vari tipi di cellule del sangue, con un ambizioso programma di ricerca che integra la biologia cellulare dello sviluppo e quella molecolare.

 

 

 

11.00 – 11.30 Presentazione e osservazione dei poster e pausa merenda 

11.30 – 12.30 Utilizzo delle cellule staminali embrionali: la questione etica

La seconda sezione della mattinata verterà sul dibattito etico legato alla ricerca e all’utilizzo delle cellule staminali embrionali.
Considerate da molti una speranza per risolvere patologie incurabili, queste cellule sono da qualche anno uno dei temi caldi del dibattito pubblico, poiché le loro potenzialità applicative rappresentano un terreno di scontro tra diverse concezioni etiche, giuridiche e religiose.
La professoressa Sara Patuzzo esporrà le principali posizioni su temi di libertà di ricerca, tutela della salute, utilizzo di embrioni sovrannumerari, per poi lasciare spazio alle opinioni e dubbi degli studenti.

 

Sara Patuzzo è abilitata a Professore di II fascia in Storia della Medicina, è Professore a contratto in Bioetica presso la Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Verona e docente di Filosofia e Storia presso il Liceo Scientifico Messedaglia di Verona.
Dal 2012 e’ componente esperto della Consulta Deontologica Nazionale della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, dove ha contribuito all’attuale edizione del Codice di deontologia medica.

 

12.30 – 13.00: premiazione dei poster e conclusioni finali