Crea sito

Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti
Circolo di Padova
Newsletter n. 11 - 3/10/2011

 

 

Sommario

  1. La crisi

  2. XX Settembre

  3. 10 minuti di...

  4. Premio Brian 2011

  5. Regione Veneto

  6. Contributi editoria

  7. Sussidiarietà 

  8. Laïcité, inch'Allah

  9. Poesia scientifica e fotografia

  10. Costantino

  11. Fiera delle parole

  12. Cosa loro

  13. Souvenir

  14. Dieci comandamenti?



1 – La crisi
Se ne parla meno, ma se ne parla ancora. La volontà che anche la Chiesa cattolica faccia la sua parte in un momento di grave crisi economica per il Paese, e che siano quindi colpiti privilegi e benefici di cui gode, è sempre assai diffusa, come mostrano i quasi 150.000 "mi piace" raccolti dalla pagina Facebook Vaticano pagaci tu la manovra finanziaria. Il 17 settembre si è svolta a Roma una mobilitazione laica contro i privilegi fiscali degli enti ecclesiastici e il finanziamento pubblico della CEI, al quale ha partecipato una nutrita delegazione UAAR. La manifestazione si è svolta in concomitanza con la marcia londinese "For a secular Europe - No Vatican interference", durante la quale ha preso la parola dal palco anche il responsabile delle relazioni internazionali dell'UAAR, Massimo Redaelli. I circoli veneti dell'associazione nelle ultime settimane sono stati impegnati ad informare i cittadini su questo specifico aspetto del confessionalismo. 
Sono anche arrivati i primi risultati di questi sforzi. Il 14 settembre è passato alla Camera un ordine del giorno del deputato Enzo Raisi (Fli) per la revisione dei privilegi fiscali alla Chiesa. Il 29 settembre è stato approvato dalla Camera un altro ordine del giorno che ha aperto alla possibilità di introdurre una nuova scelta, destinando parte del gettito IRPEF alla scuola pubblica. L'UAAR ha espresso apprezzamento per l'intento di introdurre una scelta più laica di quelle attualmente disponibili: "atei e agnostici, al momento della dichiarazione dei redditi, possono soltanto scegliere tra alcune confessioni religiose e lo Stato, il quale però storna gran parte dei fondi a sua disposizione a favore della Chiesa cattolica". Questo rischio c'è anche scegliendo a favore della scuola pubblica, perché si tende, in modo incongruo, a considerare sotto tale definizione anche le scuole paritarie cattoliche; ma, pur consapevole del valore limitato di questo voto, lo si ritiene comunque importante in un momento di crisi per il Paese e dopo anni di tagli alla scuola della Repubblica e contestuali finanziamenti pubblici alla scuola paritaria cattolica.

2 – XX Settembre
Nell'anno in cui ricorre il 150° dell'Unità d'Italia nessuna Istituzione o ente pubblico a Padova si è preso la briga di commemorare il momento storico in cui di fatto si compì quella unificazione, e cioè la Presa di Porta Pia che portò alla fine dello Stato Pontificio. Se ne è fatto carico il nostro circolo con la deposizione, martedì 20 settembre, di una corona di alloro al monumento al bersagliere presente nella nostra città: 
http://uaarpadova.altervista.org/attivita/

3 – 10 minuti di...
Come già anticipato nella precedente newsletter, ricevuto il nullaosta dalla Commissione parlamentare di vigilanza, l'UAAR ha avuto la possibilità di comparire su una rete RAI in quelli che una volta si chiamavano "Programmi dell'accesso" ed ora "10 minuti di …". Il tema della puntata: "Valori etici in un mondo senza Dio". In studio il segretario nazionale e la responsabile delle iniziative giuridiche. La trasmissione è visibile qui: http://tinyurl.com/6z98l72

4 – Premio Brian 2011
Anche quest'anno, alla mostra del Cinema di Venezia, l'UAAR ha assegnato il premio Brian, (dal titolo del film satirico dei Monty Python "Brian di Nazareth"). Giunto alla sua sesta edizione, il premio è stato attribuito al film "The Ides of March" di George Clooney. 
La pellicola, scrive la giuria, "mostra con coraggioso realismo gli scambi, i ricatti, i giochi della "casta" politica che finiscono col vanificare istanze progressiste come il pacifismo, la tolleranza, il sostegno dei diritti civili. La nostra associazione conosce assai bene questi meccanismi perversi che mortificano le battaglie civili, privano di rappresentanza politica i cittadini democraticamente più impegnati, scavano un baratro incolmabile tra le promesse elettorali e l'effettiva gestione del potere. Premiamo perciò questa lucida analisi, affidata a un linguaggio cinematografico magistrale sotto ogni aspetto". 
Maria Turchetto, componente della giuria nonché direttore della nostra rivista "L'Ateo", ha scritto una "lettera aperta" al divo hollywoodiano……

Caro Gorge, ………. 
… sì, cari i miei atei agnostici razionalisti: scrivo a George Clooney. Mi sono montata la testa? Ma se c'è gente che scrive perfino a Dio! 
Dunque, caro George: mi dispiace tanto che la Mostra del Cinema di Venezia non ti abbia attribuito nessuno dei premi ufficiali. Non il Leone d'oro per il miglior film (eppure The Ides of March è un film bellissimo), né il Leone d'argento per la migliore regia (eppure la tua regia è a dir poco perfetta), niente coppe Volpi agli attori (eppure non solo la tua interpretazione, ma anche quelle di Philip Seymour Hoffman, Paul Giamatti, Evan Rachel Wood, Marisa Tomei sono magistrali - per non dire di Ryan Gosling, fantastico!) e niente Osella per la sceneggiatura (che è davvero eccellente). Niente di niente. 
Credimi, ne sono amareggiata. La Mostra di Venezia ha il vizio di snobbare lo star system, cui senza dubbio tu appartieni. Ma non si dovrebbe dimenticare - nemmeno quando il gossip sui tuoi amori diventa assordante - che sei un regista impegnato. Lo hai dimostrato nel 2005 con Good Night And Good Luck, film bello e coraggioso che mostrava le liste di proscrizione e i processi sommari nella "democraticissima" America ai tempi del maccartismo. E lo dimostri oggi con The Ides of March, film se possibile ancora più bello e ancora più coraggioso perché affronta di petto la contemporaneità, mostrando come sia fragile qui ed ora la democrazia; e in un paese che presume di averne così tanta da poterla "esportare"! 
Una democrazia fragile perché viene macinata dalle macchine elettorali, vanificata da un ceto politico ricattabile, svuotata dalle pratiche dello scambio politico e dalle pressioni delle lobbies. E' un duro e giusto ammonimento quello che rivolgi ai tuoi concittadini americani, ma che vale per tutti i paesi occidentali e per tutti i pretesi progressisti che promettono la pace e poi fanno la guerra, promettono il benessere sociale e poi scaricano tutti i problemi sui ceti più deboli. E vale particolarmente per il nostro paese, dove le tante battaglie civili portate avanti dalla nostra associazione si scontrano con il consenso bipartisan tributato dal ceto politico alla Madre di tutte le lobbies ahimè insediata proprio nel nostro territorio: il Vaticano. 
Per questo noi dell'UAAR ti abbiamo assegnato il "Premio Brian" 2011. Non è che un piccolo premio collaterale, certamente di ben poco significato in una carriera sfolgorante come la tua. Ma siamo davvero contenti di avertelo dato. Ne siamo fieri.

5 – Regione Veneto
Ripeschiamo un'esternazione del pirotecnico assessore regionale Remo Sernagiotto di qualche settimana fa che merita, come altre analoghe, di essere ben memorizzata dai cittadini. Ha rivendicato che "quello che ha fatto in quest'anno per le scuole paritarie la Giunta Zaia, non lo ha fatto nessuno". Ha precisato che nel 2009 "le paritarie prendevano dalla Regione 12 milioni, portati a 14,5 milioni con un suo emendamento. L'anno scorso, quando tutto è stato tagliato del 20%, per condivisione dell'intera giunta quest'ultimo importo è stato mantenuto". Secondo l'assessore, di milioni ne occorrerebbero però almeno cinquanta, perché "le scuole paritarie costano meno di quelle statali. E questo consente allo Stato un grande risparmio". Un giudizio condiviso dal presidente Luca Zaia : "le scuole paritarie danno anche un servizio di qualità". Il cattoassessore ha affermato che per il 2011 ci sono stati oltre mille decreti di pagamento per altrettanti enti gestori. Dal prossimo anno - ha aggiunto - ne sarà firmato uno solo a favore della FISM regionale che provvederà all'erogazione a ciascuna scuola dell'infanzia non statale. La FISM organizza le scuole d'infanzia cattoliche. I gestori non cattolici dovranno dipendere dalla FISM? 
La giunta, informa un altro comunicato stampa, realizzerà anche "un programma di interventi economici straordinari a favore delle famiglie numerose e di quelle con parti plurigemellari". L'importo complessivo disponibile per questo "bonus famiglia" è di un milione di euro. Le famiglie con nove o più figli riceveranno un bonus una tantum di 1.200 euro, però devono avere un reddito non superiore a 30.000 euro; e così via a scalare fino ai quattro figli. Se non sono evasori fiscali ed hanno un reddito così, devono aver attuato accuratamente la politica demografica insegnata dalla chiesa cattolica. 


6 – Contributi editoria
Il dipartimento per l'editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha diffuso nei giorni scorsi gli elenchi con l'entità dei contributi versati dallo Stato agli editori di giornali e periodici nel corso del 2010. La cifra ricevuta da Avvenire, quotidiano dei vescovi italiani, è di 5.871.082,04 euro. Negli elenchi compaiono numerose altre testate cattoliche; nella nostra città vanno 98.040 euro alla "Difesa del Popolo", 56.972 a "Dall'alba al tramonto", 63.352 al "Messaggero dei ragazzi", 66.000 euro al "Messaggero di S. Antonio".


7 – Sussidiarietà
Un bel contributo di analisi sul controverso tema della sussidiarietà: 
http://tinyurl.com/65e2dm9

8 – Laïcité, inch'Allah
E' uscito il 21 settembre in Francia il film della regista tunisina Nadia El Fani ( recentemente minacciata di morte per aver dichiarato di non credere in Dio) "Laïcité, inch'Allah" - 'Laicità, se Dio vuole' - le cui riprese sono state effettuate durante lo scorso ramadan: http://tinyurl.com/6ekq3s6 
La regista in seguito alla rivoluzione tunisina dei mesi scorsi ha deciso di aggiungere ulteriori scene al film (inizialmente titolato "Ni Allah ni maître" - "Né Dio né padrone"- ) e quindi aveva lanciato un appello per ricevere dei contributi, a cui aveva aderito anche l'UAAR.


9 Poesia scientifica e fotografia
Il circolo di Venezia, visto il successo ottenuto nelle passate edizioni, ripropone anche quest'anno il concorso di poesia scientifica (quarta edizione), i cui elaborati verranno premiati in occasione del Darwin Day 2012, e quello fotografico (seconda edizione) "Liberi di non credere" che quest'anno ha come tema "Superstizioni, credenze, illusioni" e vede coinvolto anche il CICAP. Per informazioni: 
http://tinyurl.com/6yjab2m
 http://tinyurl.com/5rp26fn

10 – Costantino
Venerdì 21 ottobre alla Casa delle Associazioni "Leonardo da Vinci" in via dei Colli 108 - aula E al piano terra - si terrà una presentazione storica a cura del socio Stefano Marullo aperta a iscritti e simpatizzanti: "Costantino il Grande (impostore?)". 

11 – Fiera delle parole

Nell'ambito della imminente rassegna "Fiera delle parole" diverse sono le iniziative interessanti. Per un debito di simpatia nei confronti di chi vi interverrà noi vi segnaliamo, per mercoledì 5 ottobre alle ore 19,00 al Palazzo Liviano la presentazione del libro "Storia curiosa della scienza" di Flavio Oreglio, con la presenza dell'autore e di Giulio Giorello               

12 –
Cosa loro 
E' in uscita il libro-inchiesta "Cosa loro" di Ernesto Milanesi e Sebastiano Canetta, edizioni Manifestolibri. 
Tratta dell'universo ciellino e della holding della Compagnia delle Opere nel nord-est, "che ha aggredito - nel nome della sussidiarietà - ogni angolo del patrimonio pubblico: grandi appalti, sanità, scuola e università, formazione, logistica".   

13 – Souvenir
A quanto pare non era uno scherzo; dovrebbe essere ancora disponibile l'edizione speciale di questo prodotto di largo consumo approntato dalla Società Renova in occasione della recente Giornata Mondiale della Gioventù di Madrid: http://tinyurl.com/65v4u9z

14 – Dieci comandamenti?
Dal compianto George Carlin: http://tinyurl.com/6amfwf3


------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Per contatti: 
padova@uaar.it
www.uaar.it/padova
cell. 349-3911201

Per sostenere economicamente il circolo: 
- Carta Superflash di Cassa Risparmio Veneto n. 5342 0704 0014 1833  intestata a Marullo Stefano – Cooordinate Iban: IT90 E062 2567 6845 1030 2534 230
- Carta Postepay di Poste Italiane n. 4023 6004 7464 2743 intestata a Ferialdi Marco – coordinatore pro tempore.

N.B.: E' bene ci segnaliate tramite e-mail o sms l’avvenuto versamento.